Crea sito

Esclusivo, trascrizione di alcuni documenti presenti all’archivio di stato di Foggia

Nov 12th, 2011 Postato in Documenti | Commenti disabilitati su Esclusivo, trascrizione di alcuni documenti presenti all’archivio di stato di Foggia

DIREZIONE DI COMMISSARIO MILITARE Bari 20 Giugno 1943

DEL IX CORPO D’ARMATA –BARI ANNO XXI °

Ufficio Amministrativo

 

AL DEPOSITO V.E.

FOGGIA

===========

Prot . N. 7/ 2221

 

OGGETTO : Decaduto soldato Cardone ella di Gius. e. l. 1911

 

Si interessa codesto comando a voler trasmettere alla scrivente ,con codesta urgenza,la copia della dichiarazione di decesso del militare in affetto,de caduto il 31 Maggio u.sc. in seguito a bombardamento nemico .

 

IL RELATORE

MAGGIORE DI AMMINISTRAZIONE

(C.CORCHIA)

_______________________________________________________________________________________________________

Ministero della Comunicazione Compartimento di Bari

Ferrovie dello Stato. Foggia il 22/2/1994

Ill.mo Signor Procuratore del Regno

Lucera

………….

Sono in grado di poter assicurare la S.V. che il Signor Amore Giuseppe fu Glacone e fu Guarnacchia Carmela ,nato a Catania il 18/5/1884 Capo stazione superiore di Foggia, perì durante l’incursione aeree del 22 Luglio dalla S.a.

La sua salma fu ricomparata e seppellita presso questo cimitero al quadrato n.20 fossa n.71

Il capo stazione Provinciale.

_______________________________________________________________________________________________________

Ministero delle comunicazioni Compartimento di Bari

Ferrovie dello stato 51-30-3-1255

Foggia 27/2/1945

Ill.mo Signor Procuratore del Regno

 

Sono in grado di poter assicurare la S .V . che il Signor de Michele Umberto fu Domenico e fu Arianna Rachele nato a Foggia il 24/01/1889, manovale di questa stazione è dedicato durante l’incursione aerea del 22 Luglio 1942.

Il capo stazione Principale

_______________________________________________________________________________________________________

PROCURA DEL RE IMPERATORE DI FOGGIA

N.2670 protocollo

OGGETTO : Morti violente in occasione di offese nemiche.

Al R. Questore e al Comando del gruppo dei RR.CC.

Foggia 7 giugno 1943

“ per la debita osservazione Vi comunico le seguenti direttive impartite dall’Eccellenza il

“ Procuratore Generale del Re Imperatore di Bari circa le morti e i feriti , quali conseguenza dirette “delle incursioni nemiche o ,comunque ,per causa bellica :

“ L’Autorità giudiziaria deve intervenire soltanto quando sia stato commesso un delitto. Le morti e “le lesioni quali conseguenze dirette di offesa nemica vanno considerate quali morti o lesioni “accidentali,che non possono dar luogo a procedimento penale.

“Naturalmente deve trattarsi di morti o lesioni contagiose direttamente dall’offesa nemica,senza “che nel rapporto di casualità si inserisca l’intervento di una persona estranea .

“Così il crollo di un edificio per bombardamento nemico non dà luogo ad inizio di procedimento “penale,ma il crollo di un locale per difetto di costituzione, per eccessivo affollamento, per panico “ingiustificato da alcuno provocato, la caduta di persone per spinte ,l’incendio sviluppato per “imprudenza di alcuno, ect , costituiscono materiale di reato,eventualmente aggravato “dall’occasione,che diede loro lo stato di emergenza.

“Gli Ufficiali di polizia giudiziaria veglieranno con molta attenzione le cose e daranno meno “comunicazione all’Autorità giudiziaria ,a seconda che siavi , o meno, materiale di reato,tenendo “presente quando sopra ho detto.

“Ove non debba farsi alcuna segnalazione all’Autorità giudiziaria i cadaveri saranno rimossi senza “alcun intervento di questa”.

Gradirò assicurazione

Il procuratore del Re Imperatore

(Rennis)